Ultimo turno di campionato prima della pausa prevista per le Final Eight della Coppa Italia; nell’anticipo, la Virtus Roma sarà di scena al PalaDozza, con avversaria la Fortitudo Bologna.

Il match d’andata vide la terza affermazione nella striscia di successi consecutivi virtussini; con Sims (a referto per onor di firma) e Leunen fuori gioco per i bolognesi, con un poderoso terzo quarto i capitolini chiusero una gara tenuta sempre in controllo.

Sotto canestro Davon Jefferson e Amar Alibegovic spadroneggiarono, con 38 punti e 14 rimbalzi raggranellati in coppia; soprattutto quest’ultimo si mise in evidenza, realizzando il suo massimo in carriera per punti in Serie A, con 17 (oltre ai massimi fino a quel momento relativi a rimbalzi, con 9, e valutazione, con 20).

 

La Fortitudo ha continuato per tutta la stagione a zoppicare in trasferta, cogliendo un solo successo (nel supplementare a Cantù) fuori dalle mura amiche; bilancio opposto in quel di Bologna, dove (derby escluso, tecnicamente giocato fuori casa) ha subìto due sole sconfitte da inizio anno, collezionando anche scalpi importanti come quelli di Milano, Venezia e Brindisi.

Un ruolo di primo piano è stato assunto, dal suo rientro a pieno ritmo, da Henry Sims. Dopo essere stato protagonista in maglia virtussina la scorsa stagione, il lungo americano sta disputando un’annata di livello in Serie A (dopo la prima esperienza non così eccellente a Cremona). Con 15.3 punti a gara è il secondo miglior marcatore dei bolognesi; aggiunge però 9.1 rimbalzi e 1.9 stoppate a gara che lo aiutano a raggiungere 22.5 di valutazione media, con tutti questi valori secondi assoluti nelle rispettive categorie in campionato.

È superato dal punto di vista realizzativo da Pietro Aradori, che con i 18.3 punti messi a segno di media nelle ultime 6 gare è arrivato a 16.3 nell’intero torneo di Serie A, dove è quarto in assoluto per la specialità.

Non è così prolifico il resto del team, con il solo Kassius Robertson oltre la doppia cifra di media con 13.7 punti per una squadra terzultima in campionato per punti realizzati con 76.5, che però schizzano a 82 negli impegni casalinghi.

 

In sella sempre coach Antimo Martino: al suo esordio da capoallenatore nella massima serie, l’allenatore molisano sta confermando le qualità che gli valsero il titolo di Miglior Allenatore della scorsa Serie A2 e che già furono apprezzate proprio in Virtus, dove fece da assistente dal 2005 al 2014.

 

Marco A. Munno



Potrebbe interessarti anche


È stata una settimana positiva, quella appena conclusasi, per le tre squadre giovanili (U14 Élite; U16 Gold; U18 Gold) della Virtus Roma costruite insieme alla Smit Roma. Mercoledì 13 novembre la vittoria casalinga dell’U18 Gold di coach Iannucci, che sul parquet del Tellene ha battuto i vicini di casa dell’Algarve per 65 a 54, trascinati […]

La Virtus Roma comunica che, oltre al roster già ufficializzato che affronterà la stagione entrante, si aggregheranno alla squadra i seguenti giovani: Adriano Moretti, play/guardia, 1999, in prestito dalla US Tiber Basket; Samuele Laprica, ala grande/centro, 1998, Smit Roma Centro; Daniel Spizzichino, guardia, 1999, Virtus Roma. #VirtusIsComing – Questo è l’inizio di una nuova storia. Viviamola insieme.

La Virtus Roma comunica di aver sottoscritto un accordo per la prossima stagione con Roberto Rullo, guardia proveniente dalla Dinamo Cagliari.