Semifinali Scudetto e primo trofeo della storia della società con la conquista della Coppa Italia: i risultati ottenuti hanno consegnato la stagione scorsa come la migliore di sempre per la Vanoli Cremona.

All’inizio di questa annata quindi è difficile non riconoscere, alle spalle delle favorite, il valore della compagine cremonese, non più una semplice sorpresa. Confermarsi in toto però non è semplice: alcuni dei protagonisti dei successi hanno infatti cambiato aria, a partire da Andrew Crawford, MVP della passata Serie A, per passare alle ali Peyton Aldridge e Giampaolo Ricci, chiudendo col verticale centro Mangok Mathiang.

Sono però rimasti altre figure di spicco della cavalcata della scorsa annata: a partire dal coach della Nazionale, votato anche come migliore allenatore della stagione 2018-19, Meo Sacchetti.

Inoltre, è rimasto nel roster il miglior giocatore per valutazione della passata stagione cremonese: Wesley Saunders che grazie ad atletismo, solidità in difesa e iniziativa in attacco, riempie il tabellino non solo alla voce dei punti, ma a tutto tondo. È stato poi confermato quel Vojislav Stojanović alla ricerca di una definitiva consacrazione dopo i lampi di talento mostrati a livello giovanile e a fasi alterne sinora in A.
A completare il reparto di ali, il versatile Niccolò De Vico proveniente da Reggio Emilia.

Come Saunders la scorsa estate, è arrivata un’altra pesca dal team finlandese del Joensuun Kataja: si tratta di Topias Palmi, MVP del campionato locale che però partirà alle spalle del titolare designato in guardia, il realizzatore Jordan Mathews, secondo miglior marcatore del passato campionato danese.

Sotto canestro, al posto di Darrell Williams rescisso prima dell’inizio delle partite ufficiali per l’esagerato calo di peso successivo alla dieta vegana, è arrivato il croato Josip Sobin: sarà lui a far coppia sotto canestro con l’altra novità Matt Tiby, lottatore ma dal tiro da fuori tipico del run’n’gun sacchettiano.

Da non sottovalutare la conferma del gruppo italiani (Ricci escluso): Gazzotti e Sanguinetti conoscono già il proprio ruolo da specialisti nel sistema di squadra, Michele Ruzzier continuerà la sua crescita da rincalzo di lusso alle spalle dell’inossidabile, ancora in grado di dispensare giocate di classe e tiri decisivi senza essere scalfito dai 37 anni riportati sulla carta d’identità.

Dopo essere stata la prima squadra del campionato a riposare, per la Vanoli all’esordio è arrivata la vittoria in un match punto a punto contro Treviso.

 

Marco A. Munno



Potrebbe interessarti anche


Aprirà oggi pomeriggio alle ore 16:00 la prevendita in vista del match con la Pompea Fortitudo Bologna in programma al Palazzo dello Sport dell’Eur domenica 20 ottobre alle ore 18:00. Le squadre si rincontreranno dopo la doppia sfida dello scorso maggio tra le vincenti del girone Est e Ovest di Serie A2. Sarà possibile acquistare […]

Solo due partite per le squadre giovanili Virtus Roma considerando il turno di riposo osservato da U15 Silver e U14 Élite. Tre su tre per l’U18 Gold che grazie alla vittoria fuori casa con le Stelle Marine (45-59), guida la classifica del girone B. Un ottimo avvio per la formazione allenata da coach Mimmo Iannucci, […]

Virtus Roma sconfitta dalla Dinamo Banco di Sardegna Sassari nell’anticipo della 24esima giornata, la prima dopo un mese di sosta, giocata a porte chiuse per l’emergenza Coronavirus. Gli ospiti si sono imposti per 88-93 in una partita che ha visto i capitolini lottare fino all’ultimo possesso nonostante le assenze di Baldasso (spalla) e Jefferson (caviglia). […]