Torna #LaMiaVirtus, la rubrica nata per condividere storie, aneddoti e ricordi legati alle emozioni vissute nella stagione che ha riportato la Virtus in Serie A.

Per il secondo appuntamento, pubblichiamo il racconto di Riccardo.

 

Ciao Virtus,

sono Riccardo, ho 19 anni e voglio raccontarvi l’episodio che mi ha emozionato maggiormente durante il corso della stagione, ma prima voglio spiegarvi perché mi ha coinvolto così tanto.

Ho sempre seguito il basket con mio fratello di due anni più grande di me, il mio idolo che ho sempre cercato di imitare. Giochiamo spesso 1vs1 al campetto ed è il mio avversario preferito. Non giochiamo nella stessa società e non ci siamo mai affrontati in campionato ma, ogni volta che esce il calendario prima dell’inizio della stagione, non vorrei affrontarlo perché sarei geloso nel vederlo “combattere” accanto ad altri compagni contro di me.

Proprio per questo, mi ha preso molto l’incontro del 27 gennaio tra Virtus Roma e Biella, quando Andrea e Lorenzo Saccaggi si sono affrontati in una partita importante per la stagione delle due squadre: Biella doveva assolutamente vincere per rientrare in zona playoff, mentre la Virtus, dopo la bella vittoria contro Bergamo, era costretta a vincere per mantenere la testa della classifica.

saccaggi

I fratelli Saccaggi sono scesi in campo con questi presupposti, accomunati dallo stesso umore, separati dalla divisa di diverso colore. Per loro quella non era la prima sfida che li vedeva avversari, ma entrambi erano emozionati quando coinvolti nelle stesse azioni di gioco. Andrea, il nostro Saccaggi, ha disputato una prova pazzesca, la migliore della sua stagione e ha chiuso la gara con il 100% dal campo regalando alla Virtus una vittoria importantissima e il consolidamento del primato. D’altra parte, Lorenzo si è reso protagonista di un’ottima prestazione, ma è uscito sconfitto insieme alla sua squadra. Ho visto l’abbraccio tra i due a fine gara e non avrei mai voluto trovarmi nella situazione di Andrea o Lorenzo.

Mettendo da parte la sfida tra i fratelli Saccaggi, quella con Biella è stata una gara che mi ha fatto capire quanto fosse forte la Virtus e che il segreto della squadra risiedesse nell’imprevedibilità e nella coesione del gruppo: in quella partita ho visto una delle più belle circolazioni della stagione, ho visto tutti i giocatori consapevoli del proprio ruolo e ho percepito una fiducia indissolubile tra compagni di squadra, il fattore che quel giorno ha fatto la differenza sui 40’ contro Biella e nell’intera stagione ha fatto conquistare la vittoria del campionato.

 

Per partecipare, scrivete a mediahub@virtusroma.it: ogni settimana condivideremo una storia sui nostri canali ufficiali.

#VirtusIsBack

 



Potrebbe interessarti anche


Torna #LaMiaVirtus, la rubrica nata per condividere storie, aneddoti ed emozioni targate Virtus! Per il secondo appuntamento, pubblichiamo il racconto di Diego.   Correva l’anno 2005 ed era il mese in cui la Lottomatica Roma si giocava il pass per la finale scudetto. Indelebile nella mia memoria la gara 4 della semifinale contro la Fortitudo […]