Torna, per il secondo appuntamento, il #VirtusRomaASK che oggi vede protagonista Nic Moore!

Il nostro play americano ha risposto a dieci domande, scelte tra le tante che avete inviato nella giornata di ieri: tra piatti romani preferiti, la lontananza dagli USA e i progressi in lingua italiana, anche questa settimana sono tanti i temi affrontati insieme al protagonista odierno del #VirtusRomaASK.

P.S: vi aspetta una piccola sorpresa a fine intervista!

 

Ciao Nic, sono Roberto, papà di Teresa, una piccola tifosa Virtus di 10 anni e tua grandissima ammiratrice. Teresa vorrebbe sapere quando è nata la tua passione per il basket e dove hai cominciato.

Ciao Roberto, ciao Teresa! Sin da quando ero piccolo, con mio padre e i miei fratelli andavamo nei palazzetti a vedere le partite. Da lì mi sono appassionato al basket. Sono cresciuto guardando i miei fratelli giocare e anche io, da quanto ricordo, gioco da che ne ho memoria. Prima di iniziare con il mini basket avevo un piccolo canestro a casa con cui giocavo tutto il giorno!

 

Grande Nick! Dopo questi mesi a Roma, e vedendo un po il tuo stile di gioco e le tue triple sfrontate, ti senti un po di Roma Sud? Daje sempre non molliamo fino alla fine! Forza Virtus!!

Ahaha, mi sento di Roma, senza distinzioni! Il mio modo di giocare dipende anche tanto da quello che il coach mi chiede e la fiducia che mi viene data da lui e dai miei compagni: è poi da quello che dipende il mio stile di gioco.

 

Ciao sono Riccardo, ho 9 anni e sono un tuo grande tifoso. Gioco a basket da due anni e vorrei essere come te. Tu a quanti anni hai iniziato a giocare? Continua così sei grande!

Ciao Riccardo! Da quanto io ricordi mi sono iscritto quando avevo 8 anni, ma mio padre e i miei fratelli mi raccontano che ci gioco da sempre.

 

Ciao Nick! Oltre al basket, che altri sport segui? Se vuoi, ti porto a vedere la Lazio!

Adoro tanto lo sport in generale, soprattutto quelli di squadra. Mi piace molto il baseball e quando ero piccolo ho giocato anche a calcio: è uno sport che mi appassiona e lo guardo spesso in tv, ma non sono ancora mai andato a vedere una partita in Europa. Comunque è senza dubbio nella mia lista di cose da fare.

 

Ciao Nic sono Andrea. Dove hai iniziato a giocare a basket?

Ciao Andrea! La prima squadra per cui ho giocato è una società dell’Indiana, dove sono cresciuto.

 

Cosa ti piace di più di questa Virtus?

Mi piace come ci rapportiamo l’uno con l’altro, la chimica che abbiamo anche fuori dal campo. Ci piace uscire insieme e cenare in gruppo, ci divertiamo tanto.

 

Ciao Campione! Mio figlio ha 13 anni gioca a basket nell’under 13 quasi sempre dalla panchina. Hai dei consigli per mettersi in evidenza con l’allenatore?

L’unico consiglio che mi sento di dare è cercare di fare tutto ciò che il coach chiede: passa la palla ai compagni e gioca di squadra, il coach sicuramente lo noterà.

 

Ciao Nic, cosa ti manca di più degli Stati Uniti visto che ormai sono alcuni anni che sei lontano?

Mi mancano i miei genitori, i miei fratelli e mio nipote. Tutto ciò che riguarda la mia famiglia.

 

Che differenze hai notato a livello di gioco tra A1 e A2? È stato difficile adattarti alla serie minore?

Non c’è molta differenza e non ho trovato grandi difficoltà ad adattarmi. Ciò che ho notato è che in Serie A ci sono più stranieri e il gioco è più individuale, mentre in A 2 c’è molto gioco di squadra.

 

Ciao Nic! Hai imparato qualche parola in romano? Se si, quale? Attenzione alla pronuncia, il romano non è facile!

La risposta ve la voglio dare così ?



Potrebbe interessarti anche


È il giorno del primo #VirtusRomaASK e di Massimo Chessa, che ha risposto a dieci delle tantissime domande che ci avete inviato ieri. C’è chi gli ha chiesto delle prossime Final Eight, chi era curioso di scoprire se amasse qualche altro sport oltre il basket e chi gli ha semplicemente chiesto dei consigli di gioco. […]